meglio fare affitti brevi o a lungo termiine?

Fare affitti brevi è diventata una realtà sempre più diffusa nel mercato immobiliare, dato che per i proprietari questa è un’alternativa interessante ai tradizionali contratti di locazione.

Ma cosa sono esattamente gli affitti brevi e, soprattutto, conviene farli?

È proprio quello che approfondiremo di seguito, partendo dall’analisi di tutti gli aspetti di questa modalità di affitto, per aiutarti a decidere se sia la scelta giusta per te o meno.

Cosa sono gli affitti brevi?

Gli affitti brevi, noti anche come “affitti turistici” o “locazioni di breve durata”, consistono nell’affittare un immobile arredato per periodi inferiori ai 30 giorni.

A differenza dei contratti di affitto tradizionali (4 anni + 4), gli affitti brevi offrono maggiore flessibilità sia per il proprietario che per l’ospite.

Da qualche anno esistono anche franchising negli affitti brevi, a testimonianza di quanto questo settore sia in forte espansione.

In Italia, la normativa sugli affitti brevi è regolata principalmente dal Codice Civile e da leggi regionali e comunali.

La durata massima di un singolo contratto è di 30 giorni, ma è possibile stipulare più contratti consecutivi con lo stesso ospite.

È da premettere che è fondamentale registrare sempre i contratti presso le autorità competenti e rispettare le normative locali in materia di sicurezza, igiene e tassazione.

A chi conviene fare affitti brevi?

Fare affitti brevi può essere particolarmente vantaggioso per diverse tipologie di proprietari di immobili:

  • Proprietari di seconde case: se la possiedi già o se stai pensando di acquistare la seconda casa, soprattutto in una località turistica, gli affitti brevi possono rappresentare un’ottima fonte di reddito extra.
  • Chi ha immobili in zone turistiche: appartamenti situati in città d’arte, località balneari o montane possono essere molto richiesti dai turisti, il che garantisce un’alta percentuale di  prenotazioni durante tutto l’anno.
  • Chi cerca flessibilità nella gestione: gli affitti brevi permettono di gestire l’immobile in modo più flessibile, decidendo quando affittarlo e per quanto tempo.

Vantaggi e svantaggi degli affitti brevi

Come ogni forma di investimento immobiliare, anche gli affitti brevi presentano vantaggi e svantaggi da considerare attentamente. Ecco quali:

Vantaggi

  • Guadagni potenzialmente più alti: le tariffe giornaliere degli affitti brevi sono solitamente più elevate rispetto agli affitti tradizionali, il che consente di ottenere guadagni maggiori.
  • Flessibilità nella gestione: puoi decidere quando affittare il tuo appartamento e quando riservarlo per te, bloccando le date in cui desideri utilizzarlo personalmente.
  • Meno problemi: con gli affitti brevi non ci sono i problemi tipici degli affitti a lungo termine, quali ad esempio il classico inquilino che non paga l’affitto.
  • Diversificazione degli ospiti: avrai l’opportunità di conoscere persone provenienti da tutto il mondo, arricchendo il tuo bagaglio culturale.

Svantaggi

  • Maggior impegno nella gestione: gli affitti brevi richiedono una gestione più attiva, tra pulizie, check-in/check-out e comunicazione con gli ospiti.
  • Stagionalità della domanda: in alcune località, la domanda di affitti brevi può essere concentrata in determinati periodi dell’anno.
  • Normative locali più stringenti: alcune città hanno introdotto regolamenti specifici per gli affitti brevi, che potrebbero limitare la tua libertà di azione.

Come fare affitti brevi con successo

Per ottenere il massimo dai tuoi affitti brevi, è importante seguire alcuni passaggi fondamentali:

  • Preparare l’immobile: arreda l’appartamento in modo accogliente e funzionale, fornendo tutti i servizi necessari per un soggiorno confortevole. Scatta fotografie professionali che mettano in risalto i punti di forza dell’appartamento o villa.
  • Scegliere la piattaforma giusta: pubblica il tuo annuncio su piattaforme come Airbnb, Booking.com o altre piattaforme specializzate in affitti brevi.
  • Gestire le prenotazioni e gli ospiti: rispondi tempestivamente alle richieste, fornisci tutte le informazioni necessarie agli ospiti e assicurati che il loro soggiorno sia piacevole.
  • Ottimizzare il prezzo: studia i prezzi medi nella tua zona e adeguati alla domanda stagionale per massimizzare i tuoi guadagni.

A caratteri generali, ti consigliamo anche di leggere la nostra guida sui diritti e doveri del proprietario di casa.

Aspetti fiscali degli affitti brevi

Gli affitti brevi sono soggetti a tassazione, ed è bene ricordare che ci sono obblighi ma anche opportunità a livello fiscale, come segue:

  • Cedolare secca: puoi optare per il regime della cedolare secca, che prevede un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali.
  • Obblighi di registrazione: è obbligatorio registrare i contratti di affitto breve presso l’Agenzia delle Entrate.
  • Detrazioni e agevolazioni: in alcuni casi, è possibile usufruire di detrazioni fiscali per le spese sostenute per la ristrutturazione o l’arredamento dell’immobile.

FAQ sugli affitti brevi

Quanto si guadagna con l’affitto breve?

Il guadagno dipende da diversi fattori quali la località, la dimensione dell’appartamento, la stagionalità e la qualità dell’offerta. In media, gli affitti brevi possono generare un reddito superiore del 15-35% rispetto agli affitti tradizionali.

Dove conviene fare affitti brevi?

Le località turistiche, le città d’arte e le zone ben collegate con i mezzi pubblici sono generalmente le più richieste per gli affitti brevi.

Chi paga le utenze negli affitti brevi?

Solitamente le utenze sono incluse nel prezzo dell’affitto, ma è possibile concordare diversamente con l’ospite.

Quanto deve durare un affitto breve?

Per legge la durata massima di un singolo contratto di affitto breve è di 30 giorni.

In sintesi

Gli affitti brevi rappresentano un’opportunità interessante per valorizzare il tuo immobile e ottenere un reddito extra. È importante comunque valutare attentamente i pro e i contro, nonché le normative locali, prima di intraprendere questa strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *